Benvenuti nel sito della dott.ssa Elena Paone,
Psicologa, Psicoterapeuta e Mediatrice Familiare ad Asti

Sono Elena Paone: psicologa e psicoterapeuta e mi occupo di problemi emotivi, relazionali e comportamentali che riguardano bambini, adolescenti e adulti.

Aiuto le coppie in crisi a ritrovare l’armonia, la passione e l’amore di un tempo e offro consulenze psico-educative ai genitori alle prese con difficoltà che riguardano la crescita e lo sviluppo dei loro figli.

Nel mio lavoro mi occupo di problemi quali depressione, ansia, panico, stress, problemi alimentari e del sonno, somatizzazioni, ossessioni, dipendenze, etc. e aiuto le persone a ritrovare la serenità e il benessere perduti.

Lavoro ad Asti nel mio studio professionale e ricevo dal lunedì al venerdì su appuntamento.

Elena Paone - Psicologa Asti

Nella vita di ognuno può capitare di attraversare periodi di maggiore stanchezza e stress, in cui ci si sente in crisi e in difficoltà rispetto a qualcosa che fino a quel momento si è sempre gestito senza problemi.

Si può avvertire la sensazione di non riuscire più a stare bene con se stessi e/o con gli altri, di non avere più energie e risorse, di svolgere con più fatica e meno piacere le normali attività della vita quotidiana (casa, lavoro, famiglia, amici, hobby, etc).

Possono presentarsi cambiamenti nelle proprie abitudini e nel proprio stile di vita. Possono aumentare il consumo di caffè, sigarette, alcoolici e farmaci. Si può iniziare a dormire male (fatica all’addormentamento, frequenti risvegli nel cuore della notte e/o precocemente al mattino) e ad alzarsi non riposati.

Può succedere di non avere fame e perdere peso oppure, al contrario, di ingrassare poiché si tende a mangiare maggiormente (in prevalenza “pasticci” fuori pasto) per tirarsi un po’ su.

In molti e differenti modi anche il proprio corpo può segnalare che qualcosa è cambiato e non va più come prima. Si avvertono più frequentemente mal di testa, mal di pancia, pesantezza, bruciore di stomaco e/o cattiva digestione, etc.

Può succedere di sentirsi perennemente stanchi, anche se non si fanno sforzi fisici, svogliati, apatici, insoddisfatti, scontenti, etc. Oppure, può capitare di non riuscire a rilassarsi poiché costantemente agitati, preoccupati, tesi, nervosi, in ansia, etc.

Ci si può sentire soli, confusi e diversi dalla persona che si credeva di essere fino a quel momento e può capitare di scoraggiarsi e sentirsi impotenti di fronte alla situazione che si sta vivendo.

Spesso è possibile identificare e circoscrivere ciò che ci fa star male e ci mette a disagio.

Può trattarsi di un problema in famiglia (rapporto difficile e conflittuale con i propri genitori e/o suoceri, difficoltà nella gestione di figli piccoli o adolescenti, etc.) e/o di una crisi di coppia con il proprio partner (litigi, tradimenti, problemi sessuali, perdita di passione e amore, etc.).

Fra i vari “problemi di cuore” può esserci anche la difficoltà a trovare la persona giusta, il ripetersi di storie sbagliate e/o la conclusione di una rapporto sentimentale o di un matrimonio/convivenza.

Il problema è talora relativo alla sfera lavorativa: difficoltà a trovare un’occupazione, perdita del lavoro, affaticamento e stress eccessivi, mancanza di riconoscimenti morali e/o economici, divergenze con il superiore e/o con i colleghi, situazioni di mobbing o di burn-out, etc.

Infine, in alcuni casi, succede che irrompe nella propria vita qualcosa di improvviso e non preventivato, come una malattia, un incidente, la perdita di una persona cara, etc.

Altre volte, invece, è più difficile capire la fonte e la causa del disagio, poiché la sensazione di malessere è più vaga, generica, apparentemente senza un motivo, ma non per questo meno sgradevole e invalidante.

Anche in assenza di problemi di salute, famiglia, cuore, amici, lavoro, etc., infatti, può succedere di sentirsi tristi, scontenti della propria vita e fondamentalmente non sereni.

Certamente occorre non spaventarsi, né drammatizzare e lasciare tempo al tempo. Talvolta “far raffreddare” le cose può renderle più accettabili e gestibili.

Ma se, con il trascorrere del tempo, la situazione non sembra migliorare è consigliabile non far finta di niente, sottovalutando le proprie sensazioni. Non sempre l’attesa risolve i problemi: talvolta, anzi, porta le difficoltà a cronicizzarsi, rendendole poi risolvibili con maggior difficoltà.

In questi casi è bene fermarsi un attimo, riflettere e mobilitare le proprie risorse personali per far fronte al problema. Ci potrà volere qualche giorno o qualche settimana, ma occorre provare a capire cosa succede, poiché proprio noi stessi siamo le persone che ci conoscono di più.

Può succedere, però, che ciò non sia sufficiente e di non riuscire, da soli, a trovare una soluzione. E’ utile, allora, non scoraggiarsi e rivolgersi alle persone che ci sono vicine per ricevere il conforto e l’aiuto necessario. Un amico o con un familiare, da fuori, potrebbero aiutarci a vedere la cose da un punto di vista differente e facilitarci la ricerca di soluzioni e rimedi.

Non sempre, però, le persone a noi care sono le più indicate: a volte mancano il tempo e le occasioni per vedersi e parlare, altre volte non ce la sentiamo di “appesantire” gli altri con i nostri problemi.

Spesso ci si rende conto che l’ascolto dei nostri cari non è sufficiente e i loro consigli, frutto di esperienze personali e di buon senso comune, si rivelano inefficaci per la nostra specifica situazione.

Elena Paone - Psicologo Psicoterapeuta Asti

Quindi, se anche con l’aiuto dei nostri migliori amici e familiari, non riusciamo a superare le sensazioni di malessere e difficoltà del vivere quotidiano, diventa allora indispensabile rivolgersi a un esperto per un parere, una valutazione e un aiuto specialistico.

Non perdere speranza e fiducia: le soluzioni ci sono, anche quando non si riescono a vedere o immaginare. Sono a tua disposizione per la consulenza e l’aiuto terapeutico necessari ad affrontare le difficoltà di origine psicologica che stai vivendo.

Per qualsiasi informazione puoi chiamarmi al n° 347.9352616 oppure lasciarmi un messaggio compilando l’apposito modulo cliccando qui: ti risponderò nel più breve tempo possibile.

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies.

OK
Torna su